#ov su SenzAudio
2750
post-template-default,single,single-post,postid-2750,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

#ov su SenzAudio

Uno degli incubi peggiori per un lettore vorace, un lettore che ha il tempo contato, è quello di trovarsi di fronte ad un libro “piatto”. Le storie, si sa, sono più o meno state raccontate tutte. Anche le storie d’amore riempiono gli scaffali a tonnellate. Sono un’armata silenziosa che riempie con la sua presenza ogni angolo delle librerie. Le storie sono più o meno le stesse, ma il modo di raccontarle può essere diverso. Deve esserlo. Lo scrittore o la scrittrice deve lavorare sul ritmo, sulla lingua, sullo stile, chiamatelo come diavolo volete, ma lo scrittore (in questo caso, la scrittrice) deve lavorare per fare in modo che la propria voce sia su carta. Esca da dentro il petto e finisca lì davanti, nero su bianco. Alcuni autori sono semplicemente incapaci di fare ciò. Altri hanno il dono. Statisticamente direi che un venti per cento di chi scrive riesce a sbattersi sulla pagina. Alessandra Minervini secondo me in “Overlove” lo ha fatto.

CONTINUA QUI. 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi