La vita inedita di una scrittrice #24
3371
post-template-default,single,single-post,postid-3371,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #24

(Mentre cerco alcune cose in vecchie bozze, ho trovato questa. Credo sia una poesia, l’ho scritta più di dieci anni fa. Suppongo. All’epoca era una prosa, adesso mi sembra una poesia. Ma sono pronta ad essere smentita.)

 

Quando tutto diventa delirio si rende disponibile un rimedio:

scegliere la vita comune, essere una persona che non si vede,

 ritmare l’esistenza sull’esistenza degli altri.

 Tra questi altri camminiamo, 

come uomini che non hanno l’ombra 

che  stanno sempre sul chi vive.

 Sono nel buio-buio

sono al sicuro.

Eppure questa terra è la mia terra e questo dio è il mio dio, avrei giurato un tempo.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi