La vita inedita di una scrittrice #22
3102
post-template-default,single,single-post,postid-3102,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #22

Cose che succedono mentre lavoro, mio malgrado.

  1. Ricevere una lettera di presentazione in cui ci si auto-paragona a William Faulkner. No, grazie. Primo non è detto che mi piaccia Faulkner (per cui, sbagli); secondo: se mi piace tu non potrai mai essere come lui (per cui, sbagli moltissimo).
  2. Definire con fierezza il proprio lavoro: un autobiografia. Senza apostrofo. L’indeterminativo femminile quando si tronca va apostrofato. (Anche questa è un’autobiografia).
  3.  Provare gioia leggendo questa frase: “Sono molto contento della “sgridatura” dell’altra volta, avevo proprio bisogno di rallentare e far sedimentare un po’ di cose”.  Distruggere è l’unica strada per costruire una storia.

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi