La vita inedita di una scrittrice #21
3076
post-template-default,single,single-post,postid-3076,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #21

Sono alla quarta puntata dI Twin Peaks. Lo attendevo, lo ammetto. Molte visioni e allucinazioni di Lynch hanno nutrito i miei benefici malesseri pre-letterari. Solo che adesso, resto sbalordita e spaventata.

Il punto del sequel di Twin Peaks non è tanto quello di essere meglio o peggio della prima serie ma di esserlo, o non esserlo, rispetto alla realtà. La vita. Questa, la realtà (collettiva e individuale) rispetto a quando ci chiedevamo chi avesse ucciso Laura Palmer, è diventata alquanto peggio, quindi meglio, degli incubi di Lynch. Insomma, posso dire che finora non ho visto cose che voi umani: eccetera eccetera. (Grande plauso, comunque, alla battuta della rediviva Laura:” Sono viva e quindi sono morta”.)

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi