la vita inedita di una scrittrice #20
3028
post-template-default,single,single-post,postid-3028,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

la vita inedita di una scrittrice #20

Sto scrivendo alcuni pezzi sulla letteratura francese. Mentre studio, leggo questa frase: “La scrittura è l’ignoto. Prima di scrivere non si sa niente di ciò che si sta per scrivere e in piena lucidità”. L’ha scritta Marguerite Duras. Mi fa venire in mente questi mesi di spostamenti vari, fisici e mentali. Mesi in cui l’ignoto è vissuto come ventre materno; la lucidità che si muove al contrario della sopravvalutata serendipity. Mesi in cui non voglio trovare a caso ma scavare con criterio, oltre le mie stesse credenze. Devo molto all’ignoto. L’ignoto, quando scrivo, mi fa scegliere una strada che prima non esisteva. Non per raggiungere me stessa ma per liberarmene, totalmente.

(Fotogramma preso da questo film)

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi