La vita inedita di una scrittrice #17
2950
post-template-default,single,single-post,postid-2950,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #17

L’altro giorno ho incontrato una persona che vuole iniziare un nuovo progetto narrativo.  Conosco questa persona da tempo, ho già lavorato alle sue storie. Tutto il tempo ripeteva che non riesce a scrivere, che non scrive, che non ha messo giù nemmeno una parola da un anno. Voleva fossi io a rivelarle il motivo per cui non scrive, pur volendolo. Ovvero: la condizione naturale di uno scrittore.  Invece io niente, zitta.  Nel silenzio mi è entrata nella testa la voce di Rossella O’Hara, quando stride: “Ancora più stretto, Mamy”. E allora ho pensato che sono tipo Mamy che stringe il corsetto: non mi interessa il motivo per cui non si scrive. Preferisco lavorare sul perché, davanti a un’idea, si pensa che l’unica cosa necessaria sia renderla narrazione.  Scriverla, costringendo la forza di gravità.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi