La vita inedita di una scrittrice #14
2837
post-template-default,single,single-post,postid-2837,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #14

Due sere fa una persona che ha letto il mio romanzo ha chiesto: come passeranno il capodanno Anna e Carmine? Non so cosa volesse esattamente dirmi, se ci fosse un sottotesto che non sono stata in grado di cogliere o se davvero alcuni lettori pensano che ci sia una vita dopo la fine di una storia (di carta).  In ogni caso Anna e Carmine, loro, il capodanno non lo festeggiano. Perché nel romanzo non ci sono scene di fine anno. Loro fanno quello che c’è scritto. E basta. Loro non esistono al di là delle parole scritte.

(Per gli amanti delle scene di fine anno, consiglio l’unico masterpiece.)

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi