La vita inedita di una scrittrice #10
2299
post-template-default,single,single-post,postid-2299,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #10

Una delle prime cose che ho scritto quando ho iniziato “Overlove” è stato l’esergo che apre il romanzo: “La bambina è rimasta con me”.  Questa frase vale un racconto. C’è un prima e un dopo, anche senza scriverlo. C’è solo un volto che mi viene in mente quando la rileggo ed è quello di Marylin. In una contrazione spazio temporale, quella bambina è proprio lei.

In realtà la frase è tratta da una poesia che ho letto diversi anni fa e mi è rimasta nella testa. Ed è questa.

 “Un niente più grande” di Mariangela Gualtieri

La bambina è rimasta con me.

Non è mai nata.

Si sbilancia fra i miei precipizi

ride forte e lenta dorme

e  forte resta

resta sempre. Col suo cuore

che fa cuore col mio.

La bambina  di sole azzurrina.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi