La vita inedita di una scrittrice #8
2275
post-template-default,single,single-post,postid-2275,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La vita inedita di una scrittrice #8

Guardo qualsiasi cosa con malinconia e credo che nel romanzo questo debba appartenere al linguaggio, ecco di nuovo il dubbio che la voce non possa essere una voce narrante ma al massimo un personaggio, un’ambientazione. Il sole è splendido in Puglia, come lo è il mare, ma entrambi possono fare male, possono essere nocivi se consumati male. Non so, anche la Puglia e la sua innovazione trovo che sia una opportunità fantastica, ma anche una occasione persa. Non so come curare in modo consapevole questo sguardo acquerellato. Però pensare alla Puglia come una versione più soleggiata della Langhe, mi piace molto.

(Dagli appunti di Overlove #2)

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi