Corrispondenze letterarie
15830
page-template-default,page,page-id-15830,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Corrispondenze letterarie

Agiografia letteraria di scrittrici e scrittori (mai dimenticati)

Caro Dino,tu per caso ti ricordi l'Amore? Beato te. Qui non si capisce più niente. Si amano tutti e si lasciano tutti. Non si fa in tempo a dire ti amo che uno dei due ha già chiuso la porta in faccia all'altro. Tradimento? Non è più mica così importante.

A cosa servono la poesia e la letteratura se non a renderci (giustamente) sfrontati? Se lo sono stata, sfrontata, lo devo agli scrittori e alle scrittrici che ho amato. Così, mi sono permessa di scrivere una lettera a Dino Buzzati, a Gabo, alla Fallaci. Sono stata così sfrontata da dedicare a Leopardi, “Amore disperato” di Nada e di dire a Salinger che lo amo, anche se onestamente se la credeva un po’ troppo. Ho dato del tu ai miei amori letterari, tutti amori non corrisposti. Perché nessuno di loro mi risponderà mai. Non mi conosce e mai accadrà. E questa è la bellezza di ciò che ho scritto loro. La risposta nasce dalle opere, dalle vite, da quelle esistenze spesso (quasi sempre) lacerate che io (da sempre) studio, analizzo e scavo come davvero fanno gli agiografi con le vite dei santi.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi