“Ai sopravissuti spareremo ancora” – Scrivere il ricordo Lezione n. 19
4701
post-template-default,single,single-post,postid-4701,single-format-standard,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

“Ai sopravissuti spareremo ancora” – Scrivere il ricordo Lezione n. 19

L’esordio di Claudio Lagomarsini, pubblicato qualche mese fa da Fazi è stato accolto con entusiasmo dalla critica italiana, fino alla comparsa nella primissima selezione del Premio Strega 2020. Il romanzo è un tipo di storia in cui il passato, il ricordo, trasfigura il presente, il tempo della storia. Ci sono scatole, vecchi manuali di scuola e poi piccoli quaderni manoscritti Monocromo. C’è una grafia piccola e nervosa con le cancellature del pudore e della rabbia. Ci sono due fratelli, uno racconta e uno scrive. Il primo è tornato nella vecchia casa di famiglia, nella campagna toscana, per sbaraccarla e cederla alla vendita; il secondo, Marcello, è morto molte estati prima.

CONTINUA QUI

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi