–  Qual è il tuo scrittore preferito?

–  Il tempo

Mi piacciono le storie. Mi piace scriverle. Mi piace raccontarle. Mi piace aiutare la persone a trovare le proprie.

La scrittura è un modo di stare al mondo, è la malattia e la sua guarigione, non ti lascia mai. Provaci a lasciare la scrittura e ti mancherà un pezzo di braccio, un occhio, una mano, una vita.

In tanti anni, in questa solitaria ossessione, scrivere scrivere scrivere, mi sono accorta di non essere affatto sola. Sono tante, direi tantissime, le persone che non hanno poi tutto questo tempo, tutta questa energia e anche tutta questa cazzimma per coltivare con costanza il mestiere di scrivere.  Perché scrivere è soprattutto disciplina.

Da diversi anni la mia ossessione per le parole è diventata il mio  lavoro. Aiuto le persone a scrivere, a raccontare storie, a inventare mondi e a realizzare qualche sogno: finire di scrivere una storia che libera da un sentimento troppo ingombrante; la pubblicazione di un romanzo o di un racconto; la conoscenza di compagni di viaggio con cui condividere l’ossessione della scrittura e della lettura.

Ho una formazione in comunicazione di massa e in editoria (Laurea in Scienze della comunicazione a Siena, 2003); ho frequentato il Master biennale della Scuola Holden (2005) e il Corso Rai in sceneggiatura cinematografica e televisiva (2007).

Dopo diverse, anzi diversissime esperienze, oggi lavoro principalmente come docente di scrittura (anzi di scritture) e come consulente editoriale, occupandomi soprattutto di scouting letterario, editing.

Al momento vivo a Bari ma mi sposto di continuo. Soprattutto a Torino, dove è rimasta una parte del mio cuore.

Ah, il cuore. Ultimo, ma non ultimo, il cuore. Per raccontare una storia è importante metterci il cuore. Lo diceva anche uno scrittore che rileggo, certe volte, quando mi perdo nella mia (non)scrittura: “Per scrivere bisogna amare, e per amare bisogna capire.” John Fante.

Senza cuore un narratore assomiglia a un pittore senza la tela.

Mi ispirano Goliarda Sapienza, i taralli pugliesi, il mare del Nord Europa, le meduse e i pavoni.

Dicono di me

Alessandra è semplicemente la persona senza la quale i miei libri non esisterebbero. Ma non nel senso che mi ha messo nelle condizioni di, mi ha aperto la strada per, mi ha ispirato a, e bla bla. No no, lei mi ha proprio cavato le parole di bocca, una a una. Ora io lo so che lei amerebbe sentirmi parlare di Minerva che partorisce Giove dalla testa, o di maieutica presocratica e postcontemporanea. Ma per me è stata più una di quelle operazioni dolorose ma necessarie, e che dopo stai molto meglio. Ecco, la Minervini è una dentista della letteratura.
Dario De Marco
Scrittore e giornalista
Io detesto gli editor. Mi incazzo proprio a sentire la parola editor. Per me è sinonimo di uno che si mette in mezzo tra editore e autore un po' per rompere il cazzo e molto per guadagnare del denaro senza esserselo meritato. Ho perfino conosciuto degli editor, e li ho trovati anche peggio di come me li ero immaginati: ignoranti, pressappochisti, fondamentalmente un enorme spreco di spazio. Beh, avevo torto. Non tutti gli editor sono così. Parecchi sì, ma non tutti. Ci sono quelli bravi, e quando ci sono, è una pacchia. Lì capisci che c'è qualcuno che ama il tuo lavoro più di te, che ci si accosta con gentilezza, senza rompere i coglioni per levarsi da faccia i paccari che ha preso vent'anni prima. E quando ne incontri uno bravo un po' ti vergogni che stati sempre a dire tutte le cattiverie del mondo sugli editor, ma poi pensi che in fondo gli fai un favore, perché quelli bravi non devono star lì a difendere una categoria. Ora, il fatto è che io alla Minervini ci voglio bene. Le sono proprio affezionato. Ma mi ci sono affezionato dopo che abbiamo lavorato insieme. Prima mi stava solo simpatica, perché è simpatica. Poi ha messo le mani in un mio libro, Stronzology, e non ho difficoltà ad ammettere che dopo il suo lavoro, il libro era sempre quello, ma era meglio. Scorreva, filava. Tenete presente che abbiamo concordato insieme le modifiche, ma non saprei più dirvi quali, perché qualsiasi modifica mi proponesse era come se io l'avessi preapprovata. Un bravo editor è quello che sa cosa taglieresti tu dal tuo lavoro, se ne fossi capace. Alessandra è così. E' per questo che è amica mia, e affermo senza scuorno alcuno che le voglio bene.
Amleto de Silva
Scrittore
Un anno fa ho deciso di iscrivermi a un corso, per non smettere di riempire la mia vita di bellezza e per realizzare, in un certo senso, il desiderio di una vita di frequentare la Scuola Holden.
Lì, finalmente, è nata la mia storia, quella storia tutta per me che mi rimbalzava nella testa da anni e anni e che non avevo il coraggio di scrivere. Il merito non è stato mio, ma di una donna dotata di una forza unica al mondo. Quella di dirti la verità guardandoti negli occhi, lasciandoti la possibilità di decidere se affondare per sempre o affrontare le tue paure, una volta per tutte.
E lo fa circondandoti di letture, di parole e di suggestioni meravigliose, donandoti uno sguardo che non pensavi di poter possedere.
Questa donna si chiama Alessandra Minervini ed è una editor, una scrittrice e una docente come non ne esistono più.
Bianca Favale
UNA STORIA TUTTA PER SÉ 2013/14
Avete presente un rabdomante?
No, magari no.
E in effetti, prima di conoscere Alessandra, neanche io. Non ne avevo ancora visto uno.
Beh, non prendetemi proprio alla lettera...anche perché, per molti, la rabdomanzia non ha basi scientifiche, ma sarebbe una pratica di divinazione, roba che a me non interessa....però la mia fantasia, adesso, mi ha rimandato questa immagine: Alessandra nella prima lezione a Eataly, nel mese di marzo 2014, con il suo Moleskine, il pc e, soprattutto, con i suoi grandi occhi marroni. Strumenti perfetti, per cercare di captare le nostre storie, senza scoperchiare vite.
Alessandra Minervini è professionalità, intuito e delicatezza. E tanta pazienza.
Grazie a lei, ho ripreso a leggere, dopo sei anni che non lo facevo. E che leggere! Goliarda Sapienza, Dave Eggers, David Sedaris, Flannery O'Connor, e così via.
Grazie a lei, ho smesso di raccontarmi le mie storie scritte sopra i miei diari. Ho alzato lo sguardo dalla mia storia personale e...mi sono anche molto divertita, perché ogni lezione era un po' come una festa, piena di sorprese. Insomma, un appuntamento prezioso a cui non sono mai mancata.Grazie Alessandra e...alla prossima!
Anna Rita Cappabianca
UNA STORIA TUTTA PER SÉ 2013/14
Ho frequentato il corso ``Una storia tutta per sé`` tenuto a Bari da Alessandra Minervini, e devo ammettere che è stata una delle esperienze più stimolanti che abbia mai vissuto. Mi sono messa in discussione, tra successi e insuccessi, e sono riuscita a tirare fuori la grinta di cui avevo bisogno per cominciare a gettare su un foglio bianco ciò che pensavo da molti anni. Forse, grazie all'imminente ingresso alla Holden, riuscirò a realizzarmi e a lasciare qualche traccia del mio lungo e faticoso percorso, e se questo accadrà il merito sarà quasi tutto di questo splendido corso e di un'eccellente insegnante che, tra una battuta e un compito da fare a casa, mi ha insegnato a viaggiare nel mio io più profondo per poter estrapolare tutto ciò che c'è di bello e buono che si possa trasferire una qualche cartella di un pc, per poi essere trasformato in qualcosa di unico e autentico.
Maria Luisa Dadduzio
UNA STORIA TUTTA PER SÉ 2013/14 - MASTER SCUOLA HOLDEN 2014/2016
Quando ho deciso di iscrivermi al corso ``Una storia tutta per sé`` ad Eataly, non sapevo cosa aspettarmi. Volevo riuscire a fare tante cose e alla fine non volevo fare niente. Poi ho incontrato Alessandra: il suo sorriso e la sua sicurezza hanno illuminato fin dal primo giorno il mio cammino. Non solo le lezioni, i libri, gli esercizi o gli scambi di pensiero ma soprattutto il suo cuore sono riusciti a darmi la forza per prendere in mano la mia storia e condurla verso i primi passi. Lei ha creduto in me ed ha visto qualcosa che è riuscita a tirar fuori.
Non smetterò mai di ringraziarla.
Ilaria Amoruso
UNA STORIA TUTTA PER SÉ 2013/2014
Se non la conosci non sai quando ride di gusto quali denti sfodera. Se non la conosci non sai come veste - che stile impeccabile. Né hai mai visto il suo taglio di capelli: unico. Lei sostiene da sempre che io sia fissata coi capelli. E ovviamente ha ragione.
Alessandra mi ha insegnato a spettinare le bambole, mi ha iniziato alla Scapigliatura. E quando son finita alla Scuola Holden ha provato a starmi affianco, anche quando tante cose stavano cambiando, erano cambiate.
Siamo abbastanza vicine. Vogliamo bene alle stesse persone. E siamo entrambe innamorate di Dino Buzzati - ho dedicato anche a lei la mia tesi su di lui.
Il suo ``Dove chi entra urla``, che leggi qui: http://www.collacolla.org/?p=2917, mi suggerì che non era soltanto un'editor. Ha studiato tanto e se la sa cavare, farsi rispettare e insieme amare. Porta quella collana: Strega. Ne sono un po' gelosa ma te la consiglio!
Francesca Di Bitetto
IL LIBRO COME UN PUZZLE 2011, LEZIONI ITALIANE 2013, MASTER SCUOLA HOLDEN 2013-15
Scrivere è un gesto solitario. E spesso, nella propria solitudine, ci si può perdere. “Una storia tutta per sé” è il modo per ritrovarsi. Alessandra Minervini entra discretamente nel silenzio del gesto creativo, e ti guida in direzioni che non avresti immaginato. Precisa e dotata di uno sguardo clinico, è sempre cinque minuti in anticipo rispetto ad ogni singolo dubbio. Alla fine, si ha la sensazione di aver raggiunto una nuova consapevolezza della scrittura, di aver esplorato territori narrativi inediti e, soprattutto, di aver compreso anche qualcosa di sé.
Roberta Dalessandro
UNA STORIA TUTTA PER SÉ, 2013/14 - MASTER SCUOLA HOLDEN 2013/16
Alessandra Minervini ha un grande talento come editor: ha la capacità profonda di comprendere e amare il testo che ha di fronte. Ha rispetto per le parole e la storia, e potete star certi che farà di tutto perché testo diventi un libro bellissimo. Alessandra riesce a comprendere che tu, scrittore o aspirante tale, sei ``incinto`` di una storia, e che forse per motivi diversi e vari neghi a te stesso questa realtà; in qualche modo lei ti aiuterà ad accettare la storia che forse neppure tu sapevi di avere. E questo dal punto di vista professionale, umanamente Alessandra è una delle persone più belle che io abbia mai incontrato nella mia esistenza.
Demetrio Paolin
Scrittore
Alessandra, oltre a essere stata il faro che mi ha guidata in salvo alla Scuola Holden, è un’ottima amica, una fine osservatrice, quindi scrittrice, ma è anche un editor. Ci vuole coraggio per fare l'editor! Ci si deve prima di tutto avvalere di una buona dose di fiducia in sé stessi e negli altri, per prendersi l’enorme responsabilità di distinguere i “nuovi talenti”. È un lavoro sporco, insomma, ma qualcuno deve pur farlo. E Alessandra lo fa, e molto bene anche. Ho sempre pensato che insegnare Letteratura sia qualcosa di più o meno ansiogeno perché lì ti affidi ai classici, sai già che quelle storie hanno un valore, se lo sono guadagnato nel corso del tempo. Gli editor, invece, talent scout della creatività declinata nella parola scritta, sono dei pionieri e io li invidio, li guardo da lontano con aria sognante, immaginando come sarebbe avere il loro spirito da avventurieri. Alessandra è uno di loro, e io l’ammiro molto per questo.
Serena Vinci
Una storia tutta per sé 2015 /Master Scuola Holden 2015/2017
Nell'ultimo corso di scrittura che ho frequentato con Alessandra, se n’è uscita con un “manifesto programmatico”: chi scrive - per scelta, per passione o per un bisogno quasi fisico - è sempre uno Scrittore, indipendentemente dal fatto che abbia pubblicato, che pubblicherà mai o che sia interessato a farlo. La quale considerazione sposta l'interesse dal prodotto - che è il testo appunto - al produttore, cioè alle sue ragioni, ai suoi bisogni e poi infine al suo eventuale talento. Insomma si può scrivere e conoscere gli strumenti utili a farlo anche se non si possiede una particolare inclinazione, oppure se non la si è ancora scoperta. Standing ovation.
Davide Ligonzo
IL LIBRO COME PUZZLE, PER FARLA BREVE, “Consigli, metodi, modelli ed esorcismi per pubblicare il proprio inedito”.

Progetti e collaborazioni

Iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere aggiornamenti, inviti ad eventi e notizie sui corsi di scrittura.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi