ALTRI CORSI

SCRIVERE UN ROMANZO. DAVVERO.

LABORATORIO DI EDITING CON ALESSANDRA PENNA

Da quest’anno c’è un laboratorio completamente dedicato, e riservato, a chi ha seguito una o più lezioni dei miei laboratori. Intendo anche i laboratori passati (cioè dal 2013 a oggi) e non solo svolti a Bari (venite a trovarmi, così ci rivediamo pure!).Saremo in pochi, come nelle storie serie.Massimo 7 persone iscritte.

Il laboratorio si chiama “Scrivere un romanzo. Davvero.”  e si tratta di un esperimento di scrittura a più mani finalizzata a capire come funziona davvero un romanzo e dove e come l’editing interviene per migliorarlo e renderlo più spendibile per essere pubblicato.

Sono felice di condividere questo laboratorio con Alessandra Penna, amica ma soprattutto eccellente editor di Newton Compton. Alessandra Seguirà il lavoro svolto dai corsisti per arrivare alal fine a una prima bozza di una commedia a più mani.

Si parte ad ottobre e si finisce a maggio. Scrivetemi per saperne di più. (Tipo dove, come,quando e quando.)

SCRIVERE STORIE FANTASTICHE

“Anche quando si scrive narrativa fantastica, la base giusta da cui partire è la realtà. Una cosa è fantastica perché è tanto reale e tanto reale da essere fantastica.”

Flannery O’Connor

Il fantastico è una prospettiva d’autore, la visione che plasma la materia narrata. Scrivere storie fantastiche significa essere in grado di muoversi in uno spazio limitato; saper raccontare una storia nel modo più preciso possibile; riuscire ad attrarre il lettore in poche righe. In un racconto fantastico, l’abilità sta nel vedere relazioni là dove non ci sono.Un racconto è una storia fatta di tempi rapidi e precisi; con un numero limitato di parole e di conseguenti immagini; con pochi personaggi ma indimenticabili.

Imparare a scrivere un racconto breve significa poter allenare la creatività, indirizzare il talento, liberare e poi arginare la fantasticazione per scoprire cosa ci piace scrivere ed essere.

Questo corso è pensato per chi si approccia alla scrittura non con una vera teoria ma con una attenzione al “gesto spontaneo” dell’essere creativi.Il laboratorio si svolgerà alternando letture, teorie e tecniche narrative con una parte pratica di osservazione e creatività, di scrittura e di invenzione di storie brevi. Sempre in un’atmosfera di confronto collettivo.

LA CUCINA DEL RACCONTO

Si può imparare a cucinare con i libri e a scrivere con il cibo?

La cucina del racconto è un laboratorio creativo di scrittura e cucina per imparare a cucinare e a raccontare le proprie storie.

Chi scrive e chi cucina fa lo stesso mestiere. Mette in campo degli ingredienti per creare storie.

Partendo da questa suggestione nasce La cucina del racconto, un laboratorio di scrittura e di cucina dove i partecipanti impareranno a scrivere le proprie storie assaggiando le prelibatezze della cucina. Appuntamenti per imparare modalità/tecniche di scrittura e modi diversi di preparare pietanze quotidiane.

Partendo da questa suggestione nasce “La cucina del racconto”, un laboratorio di scrittura e di cucina dove i partecipanti imparano a scrivere le proprie storie assaggiando le prelibatezze della cucina degli chef ospiti. Comune denominatore di questo percorso letterario è il cibo: quello amato, raccontato e inventato da grandi maestri della letteratura.

PIACE: a chi ama cucinare, leggere, scrivere, mangiare. Non è necessario avere un romanzo nel cassetto per partecipare. Quello che serve è un cassetto. Il testo verrà da sé.

AMORE E GUERRA

“Le tue parole mi si addicono”.  J D. Salinger 

“Amore e Guerra” è un laboratorio dove ci si confronta con il dettaglio biografico per leggere e scrivere storie in cui il legame sentimentale rappresenta la relazione principale nella storia. Un legame che risponde a due movimenti narrativi: l’amore e la guerra. Che poi, sono la stessa cosa. Indivisibili. Nutrimento e fame. C’è una frase che sintetizza ciò che accade nei buoni romanzi:  “Bad decision makes good stories”.  L’imprevisto genera, di solito, migliori accadimenti dal punto di vista narrativo. Questa è la nevrosi delle narrazioni autobiografiche (dichiarate o meno): mettere in scena la possibilità, l’imprevisto. Allargare il confine, superare il limite. Nascondere la vita, mimetizzare la messinscena: dire la verità mentendo.

Per approfondire

Gli obiettivi del laboratorio sono due: difendersi da se stessi come narratori e combattere gli stereotipi legati al racconto biografico, in particolare quello amoroso e bellico. Leggeremo per osservare come si possa scrivere d’amore senza sentimentalismi; scriveremo per metterlo in pratica. Stessa cosa per la guerra. Cosa c’è di più stereotipato della sofferenza, della morte e del dolore? E cosa c’è di più simile alla guerra dell’amore? La guerra e l’amore sono specchio, come la morte e la vita. Sono il legame che più inseguiamo e che più di altri è presente nella letteratura. Imparare a scrivere la propria storia partendo da questi due campi di battaglie è la finalità definitiva di questo modulo.

RITRATTO DI SIGNORE

INCONTRI LETTERARI

quattro appuntamenti con quattro grandi donne della letteratura:

Jane Austen, Colette, Anaïs Nin, Gertrude Stein

A cura di:

Giorgia Antonelli

Alessandra Minervini

Una Storia Tutta Per Sé con PH8

La salute è contagiosa

Una storia tutta per sé diventa un laboratorio rivolto ai pazienti di S.C. Ematologia – Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” Bari. A cura di PH8

Iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere aggiornamenti, inviti ad eventi e notizie sui corsi di scrittura.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi