. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Una storia tutta per sé: Scrivere Il Male con Marcello Introna

Una storia tutta per sé si allarga e lascia spazio ai primi ospiti letterari.

Sabato 14 Marzo

dalle ore 10 alle ore 14

vi aspetto nella Casa di Scrittura per scoprire il lato noir nei romanzi di Marcello Introna (in generale, nella letteratura).

Per informazioni su costi e promozioni, scrivetemi: info@alessandraminervini.info (CI SONO SOLO 8 POSTI)

IL SEMINARIO

Qual è il lato oscuro che alberga dentro una storia e dentro l’animo dei personaggi? Marcello Introna ci condurrà alla scoperta del lato noir dei suoi romanzi., passando per quelli che ha letto e amato. Un viaggipo letterario e intimo alla scoperta del (nostro) lato oscuro letterario.

MARCELLO INTRONA

Marcello Introna è nato il 21 gennaio 1977 a Bari, dove vive svolgendo l’attività di medico veterinario. Ha pubblicato “Percoco” (Grillo editore 2012- riedizione Mondadori 2016) e “Castigo di Dio” (Mondadori 2018). Collabora con la Gazzetta del Mezzogiorno e Il Fatto Quotidiano.

Una storia tutta per sé: Scrivere l’Infanzia con Ivano Porpora

Una storia tutta per sé si allarga e lascia spazio ai primi ospiti letterari.

Sabato 29  febbraio

dalle ore 10 alle ore 16

vi aspetto nella Casa di Scrittura per scoprire come scrivere dell’infanzia con Ivano Porpora.

Per informazioni su costi e promozioni, scrivetemi: info@alessandraminervini.info (CI SONO SOLO 8 POSTI)

IL SEMINARIO

La frattura con l’infanzia è il momento in cui il mondo magico dell’uovo esplode, e al suo interno una nuova vita capisce che nulla sarà come prima.  Nel seminario analizzeremo questo momento preciso, in cui l’innocenza non è più uno status ma diventa una scelta, e le regole vanno giocate volta per volta, dado dopo dado. Faremo un viaggio nella scrittura per tornare dove tutto inizia.

IVANO PORPORA

Ivano Porpora è nato a Viadana (MN) nel marzo del ‘76. Viadanese da sempre, quando leggerete queste righe abiterà a Milano. Ha scritto tre romanzi (La conservazione metodica del dolore, Einaudi 2012; Nudi come siamo stati, Marsilio 2017; L’Argentino, Marsilio 2018), una raccolta di fiabe, una di poesie, due favole; quando scrive sta bene, e in questo momento scrive.

 

Una storia tutta per sé: Scrivere le radici con Gabriella Genisi

Una storia tutta per sé si allarga e lascia spazio ai primi ospiti letterari.

Il 1 febbraio

dalle ore 10 alle ore 14,

vi aspetto nella Casa di Scrittura per scoprire come scrivere le proprie radici con Gabriella Genisi.

Per informazioni su costi e promozioni, scrivetemi: info@alessandraminervini.info (CI SONO SOLO 8 POSTI)

IL SEMINARIO

Ispirandosi completamente all’approccio consolidato del laboratorio di scrittura autobiografica, Una storia tutta per sé,

scopriremo insieme alla scrittrice come un luogo “personale” possa trasformarsi in un luogo letterario.

Una giornata con la scrittrice Gabriella Genisi per scoprire come nasce l’idea di storia, luoghi, personaggi

attraverso la narrazione delle proprie radici narrative e geografiche.

GABRIELLA GENISI

Gabriella Genisi è una scrittrice pugliese. Suo il personaggio del Commissario Lolita Lobosco, definita dalla critica la Montalbano al femminile e protagonista di sette romanzi editi da Sonzogno: La circonferenza delle arance (2010) Giallo ciliegia (2011) Uva noir(2012) Gioco pericoloso (2014) Spaghetti all’Assassina (2015) Mare nero (2016) Dopo tanta nebbia (2017). La teoria di Camila (Giulio Perrone 2018) Ha vinto molti premi letterari e suoi racconti sono presenti in antologie. Alcuni suoi articoli sono pubblicati sulle più importanti testate nazionali. In un sondaggio del Corriere della sera, insieme a Camilleri è risultata la giallista più amata in Italia. I diritti televisivi sono stati opzionati da Luca Zingaretti. Il suo ultimo libro è Pizzica amara, Rizzoli 2019. Dicono di lei e del personaggio: “Leggetela, potrebbe diventare la Camilleri pugliese” (Vanity Fair); “Una delle scritture più interessanti del nostro Paese” (Massimo Carlotto)

Ritratto di signore: Goliarda Sapienza e Elsa Morante al Circolo dei Lettori di Andria

Il 27 dicembre alle ore 19, vi aspetto con Giorgia Antonelli per una serata dedicata a due scrittrici che hanno fatto, in modi diversi, la storia della letteratura italiana.

Appumento al Circolo dei Lettori di Andria. Ingresso libero.

Venite, vi aspettiamo!

“A pelle scoperta” di Francesca Piovesan – #perunalira #14

By alessandra PER UNA LIRA

Nel treno de Lo scompartimento, un racconto incluso nella raccolta Cattedrale di Raymond Carver, c’è un uomo che si rivede dentro i volti e le chiacchiere dei passeggeri. La famiglia, l’amicizia, il lavoro: tutto viene ricreato come dentro un laboratorio. C’è un mondo di dettagli e di piccole cose che sembra esplodere da un momento all’altro e invece non esplode mai. Questo è il mondo narrativo che compone l’esordio di Francesca Piovesan, una raccolta di racconti dal titolo A pelle scoperta, pubblicata da Arkadia editore per la collana SideKar. Si tratta di 15 racconti che cominciano con un esergo rivelatore: Alle piccole cose.  Le cose piccole che nella penna della Piovesan diventano le cose grandi anzi grandissime della nostra vita, sono lega che forgia questi racconti. Le storie sono tutte diverse, eppure appartengono evidentemente allo stesso sguardo. Uno sguardo basso ma non cupo; sempre in attesa che qualcosa avvenga pur sapendo che non avverrà. Appunto, una cosa piccola che sta per esplodere ma che invece la scrittrice decide di disinnescare.

CONTINUA QUI

“Quando una donna” di Sara Maria Serafini – #perunalira #13

Come dice Marcovaldo nell’omonima raccolta di Italo Calvino: “Chi ha l’occhio, trova quel che cerca anche ad occhi chiusi”.
L’occhio per un narratore è il più indipendente tra i nostri sensi. Quello che vede, non lo decide chi scrive. Non sempre, almeno. Ciò che penetra la sua traiettoria è un fattore esterno.
Volendo accostare la scrittura alla fotografia, dovremmo stabilire che queste due discipline necessitano degli stessi strumenti del mestiere. Cambia il loro supporto. Penna e pc per lo scrittore; macchina fotografica per il fotografo. Il risultato, in entrambi i casi, restituisce lo sguardo dell’autore.
In questo caso dell’autrice. Sara Maria Serafini nel suo primo romanzo, Quando una donna appena uscito per Morellini editore, ha guardato storie che forse non voleva o non si aspettava di guardare. E dunque di scrivere. Forse, anche per questo, ha trovato un modo coinvolgente per farlo. Le sue parole riproducono perfettamente uno sguardo, a cominciare dal primo sguardo.

CONTINUA QUI

Ritratto di Signore, ciclo di incontri sulle voci letterarie femminili

Con il nuovo anno torna “Ritratto di Signore”, il format letterario curato da Giorgia Antonelli e Alessandra Minervini, giunto al suo terzo ciclo.
L’appuntamento è sempre alla LIBRERIA CAMPUS BARI di Francesca Crisafulli con quattro approfondimenti su quattro grandi voci femminili della letteratura.

– Sylvia Plath, 10 gennaio, a cura di Alessandra Minervini

– Emily Dickinson, 7 febbraio, a cura di Giorgia Antonelli

– Flannery O’ Connor, 20 marzo, a cura di Alessandra Minervini

– Simone de Beauvoir, 3 aprile, a cura di Giorgia Antonelli

Quest’anno gli appuntamenti sono di venerdì, sempre alle 19 e sempre con l’accompagnamento dei vini di EST! Vineria con cucina

costo: 5 euro a incontro
per info e prenotazioni: info@alessandraminervini.info

Regala(ti) una storia per Natale – Promozioni di Natale

Dal 12 dicembre al 12 gennaio promozioni, sconti, offerte su tutti i servizi.

Editing, Schede di Lettura, Valutazione Manoscritti, Corsi e Laboratori, Percorsi di Scrittura personalizzati in offerta.

Fate o fatevi un regalo pieno di storie da raccontare!

Per informazioni e dettagli scrivete a info@alessandraminervini.info

Lewis Carroll, il mio Maestro delle Meraviglie

(Questa è la versione integrale del ritratto + lettera dedicati a Italo Calvino, originariamente pubblicato in “Mimì” su “Il Quotidiano del Sud”, domenica  20 ottobre)

Questo è il ritratto di uno scrittore che non si è mai definito uno scrittore. Charles Lutwidge Dodgson, a tutti noto con lo pseudonimo letterario di Lewis Carroll, nacque in Inghilterra nel 1832 da una felice famiglia vittoriana, di origine irlandese. Il padre era reverendo, severo ma giusto capace di imprimere ai suoi undici figli cultura ed educazione; la madre era dedita alla casa e alla famiglia e lo crebbe con devote attenzioni. I problemi cominciarono con l’adolescenza. Da ragazzino Carroll soffriva di balbuzie e quando i suoi lo iscrissero alla Rugby School (1850), annotò l’esperienza come tra le più infelici. Mancino, troppo alto e troppo magro, riccioluto e scuro ma dai vispi occhi chiari, oltre alla balbuzie Carroll ebbe problemi con l’udito e per tutto la vita soffrì di una forma di emicrania che lo isolava dal mondo intorno. Ma, fin da ragazzino, era un genio. Scriveva poemetti e poesie, enigmista della parola e funambolo del fraseggio non-sense. Appassionato di fotografia, matematico di professione. Seduttivo nella sua ambiguità creativa, dalla quale furono ispirati alcuni dei più eccelsi artisti del Novecento: J. Joyce, J. L. Borges e John Lennon. Il leader dei Beatles al mondo delle meraviglie di Carrol ha dedicato più di una canzone. La più nota è “Lucy in the sky with diamonds” della quale Lennon disse: “Era Alice nella barca. Mentre compra un uovo, si trasforma in Humpty Dumpty. La donna che la serve nel negozio si trasforma in una pecora e il minuto dopo stanno entrambe remando in una barca per andare da qualche parte, chissà dove.”

Dopo aver scattato ritratti a personaggi famosi, tra cui il poeta italiano DG Rossetti e il pittore inglese John Millais, i suoi soggetti fotografici divennero le ragazzine. Sebbene la fotografia fosse principalmente un hobby, Carroll vi dedicava molto tempo. Era il suo modo per stare in mezzo alla gente,osservandola dietro l’obbiettivo. Fotografava bambine in ogni possibile situazione, compresa la nudità. Nonostante le congetture, non ci sono prove reali di abusi sui minori contro di lui.

Nel 1856, la famiglia Liddell e le tre figlie si trasferì a Christ Church, diventando i vicini di casa dei Dogson. Carroll conquistò la loro fiducia, divenendo l’amico di famiglia. Spesso portava le tre sorelle, Lorina, Edith e Alice, a fare lunghi giri in barca sul Tamigi. Fu in una di queste spedizioni che gli venne l’ispirazione per “Alice nel paese delle meraviglie”. Proprio nel 1856 iniziò a scrivere le prime opere umoristiche e divenne “Lewis Carroll” traducendo il suo nome e il suo secondo nome in latino, invertendo il loro ordine, e poi traducendoli nuovamente in inglese. Lewis è infatti la versione inglese di Ludovicus, da cui deriva Lutwidge, il suo secondo nome, mentre Carroll è l’anglicizzazione del latino Carolus, cioè Charles.

L’unico modo in cui si sentiva se stesso era dentro quello pseudonimo che lo proteggeva dal suo ruolo sociale di professore emerito in matematica a Oxford. L’insegnamento non era il suo lavoro ideale, la balbuzie rendeva difficile tenere lezione. Molti dei suoi studenti non erano interessati alla sua materia. Tuttavia Carroll escogitò astuti enigmi matematici e domande di logica per cercare di rendere più attraenti i suoi discorsi spezzettati. Nel corso della sua vita, ha suggerito soluzioni per molte questioni, comprese alcune regole per i tornei di tennis. Ma, soprattutto, ideò la nyctografia: un sistema per scrivere al buio. Carroll si svegliava di notte con alcuni pensieri che voleva annotare. All’epoca scrivere nel cuore della notte significava accendere la lampada ad olio per poi rispegnerla dopo poco. Un sistema poco congeniale. Così Carroll s’ingegnò.”Chiunque abbia avuto, come spesso ho fatto io, la necessità di uscire dal letto alle 2 del mattino in una notte invernale, accendere una candela, e appuntarsi alcuni pensieri che avrebbe altrimenti dimenticato, converrà con me quanto scomodo possa essere. Tutto ciò che devo fare adesso, se mi sveglio e penso qualcosa che desidero appuntare, è prendere da sotto il cuscino un piccolo taccuino contenente il mio nyctografo, scrivere alcune righe senza nemmeno dover mettere le mani fuori dalle coperte, rimettere a posto il libretto, e tornare a dormire. Ho prima provato ad utilizzare le file di fori quadrati (poco più di mezzo cm quadrato l’uno -la misura che ho trovato più comoda), come contenitori per le lettere; non è stata una brutta idea, ma le lettere risultavano ancora illeggibili. Quindi mi sono detto “Perchè non inventare un alfabeto quadrato, usando solo punti agli angoli e linee ai lati?” Ho presto scoperto che, per rendere più facile la scrittura, era necessario sapere dove iniziassero esattamente i quadratini. Per questo ho stabilito la regola secondo la quale ogni lettera-quadrata doveva contenere un chiaro puntino nero nell’angolo in alto a sinistra.Sono riuscito ad ottenere 23 diverse lettere-quadrate, somiglianti alle lettere che devono sostituire. Pensate al numero di ore di solitudine trascorse da un uomo cieco, spesso passate a non far nulla, quando egli sarebbe probabilmente felice di annotare i propri pensieri; e vi renderete conto di quale benedizione gli concederete donandogli un piccolo “indelebile” libro di memorie con un nyctografo e insegnandogli l’alfabeto-quadrato.” La versione finale della sua invenzione fu registrata nel 1891.

Poco prima del suo 66esimo compleanno, Carroll ha avuto un grave caso di influenza, sfociata in polmonite. Morì il 14 gennaio 1898, lasciandoci alle spalle un enigma irresolvibile. La sua anima.

Caro Lewis Carroll,

“di solito Alice si dava degli ottimi consigli, però poi li seguiva raramente”. Professor Carroll o Dogson come preferisce, vorrei con la presente obbligare ufficialmente alla lettura della tua Alice, soprattutto nelle scuole dell’obbligo. Il motivo è semplice. Alice non solo è irresistibile. Ha una caratteristica essenziale per la crescita e il benessere dei ragazzi, futuri adulti, non c’è morale. Questo è il dono che ci fa una ragazzina che, in realtà, non ha genere sessuale come non ha età. Vive dentro ognuno dei suoi lettori, non appena questi si immergono nelle sue meraviglie. A differenza di Pinocchio, per esempio. Dove invece la morale è più forte della personalità del ragazzo di legno. Se i due si fossero incontrati a metà strada, tra il Paese delle meraviglie e quello dei Balocchi, la ragazzina al burattino gliela avrebbe fatta passare presto tutta quella voglia di mentire.

“Non immaginarti mai di non essere altro da quello che potrebbe sembrare agli altri che ciò che eri o potevi essere stata non fosse altro da ciò che eri stata e che avrebbe potuto loro sembrare essere altrimenti”.

Alice è un mito, vive di luce propria. Come tutti sbaglia, ma non si fa abbagliare dai suoi errori. A differenza dei burattini, quando Alice fa una sciocchezza se ne rende conto. Da sola. Questo è il prezzo che paga. La consapevolezza. Non aspetta che qualche fata turchina o grillo “pedante” le indichi la strada per la redenzione. Alice sa che la redenzione non esiste. Esiste la vita che non ha senso tanto vale caricarla di non-sense.

“Ultimamente erano successe tante di quelle cose strane che Alice aveva cominciato a credere che di impossibile non ci fosse quasi più nulla”.

Caro Lewis, come hai fatto a creare una roba come Alice dentro l’Inghilterra vittoriana e rigida, capace di indebolire i deboli senza dare loro il beneficio del dubbio? I dubbi sono le pile della crescita psicologica e il fatto che Alice ne sia invasa non fa che renderla la cittadina ideale di un Paese delle Meraviglie che oggi, come allora, possiamo abitarlo solo ad occhi chiusi o in punta di penna.

“Sapeva che sarebbe stato sufficiente aprire gli occhi per tornare alla sbiadita realtà senza fantasia degli adulti”.

Marguerite Yourcenar, la mia Maestra di roccia e vento

(Questa è la versione integrale del ritratto + lettera dedicati a Italo Calvino, originariamente pubblicato in “Mimì” su “Il Quotidiano del Sud”, domenica  27 ottobre)


Era fatta di roccia e di vento. Ha condotto una vita saggia, suggellata da una grande verità che suona più o meno così: se la mente è concentrata su qualcosa non può concentrarsi su altro. Lei si riferiva alla scrittura, croce e delizia. Ma cambiando l'ordine delle priorità il risultato non cambia. Sopravvivere alle proprie ossessioni è un'impresa. Un'impresa che a questa scrittrice è riuscita.
Marguerite Antoinette Jeanne Marie Ghislaine Cleenewerck di Crayencour, conosciuta come Marguerite Yourcenar, è  nata nel 1903 a Bruxelles. Sua madre muore dieci giorni dopo la nascita e dunque la scrittrice cresce  con la nonna, che non sopporta, e si lega molto a suo padre, Michel de Crayencour di cui Yourcenar è l'anagramma. Si può dire che la scrittrice abbia avuto due uomini importanti nella sua vita. Il primo è stato il padre dal quale ha indubbiamente ereditato il gusto spassionato per i viaggi e il secondo è stato Adriano, l'imperatore di Roma.

Marguerite Yourcenar trascorre i ruggenti anni Venti visitando l’Europa e i suoi musei, mostrandosi appassionata di arte classica, di storia e di letteratura. Il suo primo romanzo, “Alexis o il Traité du vain combat”, è del 1929. Nel 1930 cede alla sua passione e si trasferisce in Grecia, dove vive per un anno, scrivendo con meticolosità le sue prime novelle. Nel 1934 inizia le ricerche su questo personaggio che l’attrae irresistibilmente: l’imperatore Adriano. Dichiarerà di esserne attratta in un momento della sua vita in cui aveva perso fiducia nei miti e nelle divinità, nella fede e nei suoi contemporanei. Quando nel 1939 scoppia la guerra, Marguerite Yourcenar parte per gli Stati Uniti con la sua compagna Grace Fricks, conosciuta un anno prima. Per un po’ insegna letteratura comparata al Sarah Lawrence College, vicino a New York. Diventerà anche traduttrice, perfino della Woolf di cui traduce “Le onde”, scelta azzeccata per il suo temperamento fluttuante. Concepiva la traduzione come un intermezzo volontario nei periodi d’intenso lavoro creativo, una sorta di straordinario esercizio ginnico, tanto più proficuo quanto più lo spirito dell’opera originale è estraneo a quello di chi la traduce. Nel 1947 ottiene la nazionalità americana. Ma lo stesso anno abbandona la cattedra e si ritira in un’isola nello stato del Maine, l’isola di Monts-Deserts con la sua compagna. Un ritiro attivo che dedica totalmente alla sua ossessione, Adriano, che continua a perseguitarla giorno e notte, riempendo quaderni e quaderni di ricerche e spunti per raccontare la sua storia. Quando ritrova in un vecchio baule una bozza del primo manoscritto, decide che da allora lui sarà “l’uomo della sua vita” e non lo abbandona fino alla stesura definitiva. La sessualità e le relazioni dolorose sono temi ricorrenti nel suo lavoro di scrittrice, poetessa e saggista. Marguerite Yourcenar è stata una filosofa della parola, scrittore, come si faceva chiamare, non è abbastanza. È diventata la prima donna a unirsi all’Académie française, dove è rimasta dal 1980 fino alla sua morte nel 1987. “(…) Voi mi avete accolta, questo me incerto e fluttuante, questa entità di cui io stessa ho contestato l’esistenza… eccolo come è, circondato, accompagnato da una schiera di donne invisibili che avrebbero dovuto ricevere molto prima questo onore, al punto di spostarmi da un lato per lasciar passare le loro ombre: Madame de Stael, una delle migliori menti del secolo, George Sand, Colette.”

All’inizio degli anni Cinquanta, una Francia sconcertata accoglie la storia della passione di Adriano per il giovane Antonino, e frasi come “questo bellissimo levriero avido di carezze e ordine si sdraiò sulla mia vita” mostra al mondo che si poteva essere allo stesso tempo un grande imperatore e un grande amante che attingeva la sua forza nell’ossessione amorosa. Se alla fine del XX secolo l’omosessualità non è più punita, come lo era ancora in Francia negli anni Cinquanta, è in parte a Yourcenar e al suo Adriano che lo dobbiamo.

Guardando la sua ultima intervista, pochi mesi prima della sua morte, rilasciata completamente in italiano al giornalista Giovanni Minoli, che a lei dedicò una puntata del programma di culto “Mixer”, si resta incantati. Come davanti all’ultima imperatrice. La scrittrice ipnotizza l’intervistatore con il suo piglio imbarazzato,come se la più grande scrittrice francese contemporanea non si sentisse all’altezza nemmeno di se stessa. In un’altra famosa intervista, precedente a questa, teorizza il paradosso dello scrittore che è quello di perdere la sua vita a scriverla mentre in realtà dovrebbe uscire e viverla. Una frase che riassume bene la filosofia di questa donna forte, che si è fatta strada da sé.

Cara Marguerite,

lo scrittore deve vivere e contemporaneamente radicarsi nel nulla per esprimere a parole quello che la sua mente produce. Scrivere è un’abitudine come impastare e mangiare ciò che si è creato dal nulla.

“Le abitudini servono alla creazione letteraria, perché nelle abitudini c’è un che di rituale. Alzarsi la mattina, scendere ad accendere il fuoco in cucina, dar da mangiare agli uccelli, guardare il sole dalla terrazza, sono altrettanti riti che finiscono col diventare assolutamente impersonali.”

Da te edotta con questo piccolo grande precetto, l’altra sera ho impastato per la prima volta. Farina, olio, lievito, sale. Non eri tu quella che diceva che scrivere è come fare il pane? Bisogna sporcarsi le mani, impastare dal niente, aspettare la forma naturale di una creatura e darle poi il contenuto che le spetta.

Saper mettere le mani in pasta e poi attendere. Che grande lezione di cucina letteraria. In effetti, impastando molti aspetti che sfuggono quando si addenta un pezzo di pane bello e pronto, non sfuggono. Non sfugge, con le mani sporche di massa, quell’odore inconsistente della mancanza di una forma ancora da prefissare. Perchè uno scrittore sceglie determinati personaggi rispetto ad altri? Li sceglie seguendo un mistero o una verità? Entrambi, credo. Insomma questo insegni tu. E non arricciare il naso davanti alla parola “insegni”. Tu l’hai fatto e continui a farlo ai tuoi lettori eterni.

Si scrive di cosa si sa. Come si sceglie un periodo storico e i suoi personaggi? Forse con lo stesso criterio degli ingredienti per una focaccia? Alcuni sono indispensabili e universali, altri invece fanno parte del nostro mondo noto. Li abbiamo “assaggiati” da qualche parte in un altro spazio-tempo e proviamo a metterli in scena per vedere l’effetto che fa. E il sapore che avranno. Se questo sapore ci assomiglia, anche se viene da luoghi lontani ed epoche lontane. Ogni libro è come una focaccia impastata per la prima volta. Non sappiamo che gusto avrà, non sappiamo che cottura e che forma prenderà. Non possiamo prevederne la consistenza. Ma sappiamo che sarà assolutamente fedele alla realtà, alla nostra realtà. Che può essere a volte anche solo la realtà di una domenica pomeriggio d’autunno, in questo caso già diversa dalla prossima.

Iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere aggiornamenti, inviti ad eventi e notizie sui corsi di scrittura.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi